E’ possibile diventare consulente del lavoro senza la laurea? 

Quella del consulente del lavoro è una figura professionale sempre più centrale nella gestione dei rapporti tra istituzioni pubbliche, imprese e lavoratori, tanto da diventare quasi un dirigente esterno dell’azienda stessa. Le attività del consulente del lavoro spaziano dalla gestione delle risorse umane alla elaborazione delle buste paga, dal versamento dei contributi previdenziali alle comunicazioni con gli enti quali Inps, Inail e Agenzia delle Entrate.

Il consulente del lavoro può essere un libero professionista e aprirsi uno studio di consulenza del lavoro (quindi dotato di partita IVA propria) o un dipendente (che lavora presso uno studio di consulenti), che si occupa di tutte le attività amministrative (buste paga, ferie accumulate, TFR, assunzioni e dimissioni, etc.) dei dipendenti di una o più aziende. C’è chi si domanda se, intraprendere questa professione, richieda assolutamente l’iscrizione ad un percorso universitario. Fino al 2007 infatti, era possibile diventare consulente del lavoro senza la laurea. Dopodiché la laurea é diventata requisito obbligatorio. Senza di questa non si può intraprendere alcuna carriera in questo ambito. Ma quali percorsi di studio è necessario intraprendere?
 

La legge numero 12 del 1979 sancisce il percorso da seguire per diventare un consulente del lavoro. Ecco i requisiti necessari: 

  • laurea triennale o quinquennale in economia, scienze politiche o giurisprudenza. 
  • praticantato obbligatorio di almeno 2 anni presso uno studio di consulenti del lavoro. 

Dopo il praticantato, l’aspirante consulente del lavoro potrà accedere all’esame di Stato abilitante alla professione. Senza laurea e senza praticantato quindi, non ci si può iscrivere all’albo. 

 

Incompatibilità 

L’iscrizione nell’Albo dei consulenti del lavoro è incompatibile con il rapporto di lavoro degli impiegati dello Stato, delle Regioni, delle Provincie, dei Comuni e degli altri enti pubblici, nonché dei dipendenti degli istituti di patronato o delle associazioni sindacali dei lavoratori; inoltre non è consentita agli esattori di tributi, ai notai e ai giornalisti professionisti. 

News Reporter